domenica 7 aprile 2013

Per te.



Solo poche sere fa mi hai scritto "A presto rivederci Gianni". Ma non ci vedremo più, non in questa vita. Non andremo più a fare il Cammino di Santiago, eri così felice quando te l'ho proposto quasi per scherzo perchè, sapevo delle tue difficoltà. Subito hai cercato altri compagni di viaggio, "saremo in quattro" hai detto, "come i Moschettieri, e insieme a voi mi sentirò protetta". Non potevamo invece proteggerti dal male che avevi nel corpo, e da quello che col tempo ti ha divorata nello spirito. Non cammineremo più insieme le nostre amate montagne, e non sentirò più il tuo abbraccio forte e vero, la tua stretta di mano sincera, e la risata schietta che prorompeva inaspettata, perchè sempre trovavi motivo per ridere, nascondendo così dietro i sorrisi il tuo dolore. Ma non doveva finire così, no, non doveva finire così.
Ti voglio bene amica mia, a rivederci in cielo, vicino al Dio che tanto hai amato. Abbraccio forte dal tuo amico Gianni.

6 commenti:

  1. un abbraccio caro Gianni...
    :-*

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Grazie cara amica, lo accolgo volentieri...

      Elimina
  2. “Ho sognato che camminavo in riva al mare con il Signore

    e rivedevo sullo schermo del cielo tutti i giorni della mia vita passata.

    E per ogni giorno trascorso apparivano sulla sabbia due orme:

    le mie e quelle del Signore.

    Ma in alcuni tratti ho visto un sola orma.

    Proprio nei giorni più difficili della mia vita.

    Allora ho detto: “Signore, io ho scelto di vivere con te

    e tu mi avevi promesso che saresti stato sempre con me.

    Perché mi hai lasciato solo proprio nei momenti difficili?

    E lui mi ha risposto: “Figlio, tu lo sai che ti amo

    e non ti ho abbandonato mai:

    i giorni nei quali c’è soltanto un’orma nella sabbia

    sono proprio quelli in cui ti ho portato in braccio”.

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Sai, nonostante tutto, nonostante io e tutti gli altri amici, siamo ancora sgomenti per ciò che è avvenuto, me la immagino proprio vicina a quel Dio, che veramente ha tanto amato, e da cui forse per quell'unico istante, si è sentita abbandonata. E voglio credere che proprio allora Lui, l'abbia presa nelle Sue braccia per tenerla con sè. Grazie.

      Elimina
  3. Mi dispiace legger questo post...un pensiero e una preghiera per la tua amica. un abbraccio fortissimo

    RispondiElimina
  4. Grazie cara AnnaMaria, grazie per la mia amica che ti assicuro, era una persona speciale nella sua grande semplicità e generosità.
    E la preghiera è il dono più grande.

    RispondiElimina