domenica 24 ottobre 2010

Dal Cantico dei Cantici...

Una voce! Il mio diletto!
Eccolo, viene
saltando per i monti,
balzando per le colline.
Somiglia il mio diletto a un capriolo
o ad un cerbiatto.
Eccolo, egli sta
dietro il nostro muro;
guarda dalla finestra,
spia attraverso le inferriate.
Ora parla il mio diletto e mi dice:
"Alzati amica mia,
mia bella, e vieni!
Perchè, ecco, l'inverno è passato,
è cessata la pioggia, se ne è andata;
i fiori sono apparsi nei campi,
il tempo del canto è tornato
e la voce della tortora ancora si fa sentire
nella nostra campagna...."

Notte insonne senza rimpianto; ne è valsa la pena, l'amica Radio a farmi compagnia, e in dono questi stupendi versi.


11 commenti:

  1. Ci sono notti insonni che oltre alle occhiaie portano anche regali meravigliosi...
    In questi versi si avverte una stupenda sintonia, un interscambio, un arricchimento reciproco, e contemporaneamente un'unione profonda...
    L'Amore arricchisce le nostre singole anime, e nello stesso istante attiva una fusione.
    Ricordo che questi versi rappresentarono una delle Letture al matrimonio in chiesa di un'amica, e di seguito mi colpirono molto le parole del sacerdote durante l'omelia...
    Parlo' infatti di un fiume ed un mare che si incontrano, che uniscono le loro acque con la loro bellezza, con i loro colori e profumi.
    L'uno ha bisogno dell'altro per completarsi e nutrirsi...
    Ma penso che queste parole si possano adattare in generale alle nostre esistenze, considerando che molto spesso dietro a quelle inferriate teniamo prigioniero il nostro cuore e l'inverno e' invece rappresentato dalla tiepida consuetudinarieta' che fatichiamo a rompere, senza consentire alla luce di prendere il posto della pioggia e riscaldarci...

    Ho deciso.
    Basta lettore mp3...lascero' spazio alla Radio anch'io!!!
    Un abbraccio carissimo Gianni!
    Dona

    RispondiElimina
  2. Adoro ascoltare la radio anch'io: sa regalare doni delicati e profondi come questo che hai postato. Nel silenzio della notte si ha tanto tempo per riflettere e i pensieri volano lontano...
    Un caro saluto

    RispondiElimina
  3. @Donatella: Sai cara Dona, mi chiedo spesso se il rincorrere filosofie esotiche, e a noi lontane per cultura ed esperienza, ci porti veramente quella pace del cuore che sempre ricerchiamo.
    E questi ed altri versi che conosciamo da sempre, ma mai, veramente fatti nostri, mi portano a pensare, che forse gettare lo sguardo oltre, e lontano dalla siepe di casa, ci vieti la visione della bellezza che ci circonda, e della pace possibile.
    Dici bene, ogni parola può essere per noi, e che inverno ed estate del cuore, sono infine una nostra scelta e responsabilità.
    p.s.
    Seguo con affetto ciò che ogni giorno ti porta a vivere; non stancarti mai di lottare: Eraclito affermava che, "Il carattere di un uomo è il suo destino."
    Forza amica mia, fortifichiamo il nostro, cominciando col lasciarci alle spalle, e per sempre, tutto il male conosciuto.
    Abbraccio!

    @Angelo Azzurro: Si caro Angelo, notte e silenzio possono portarci momenti di vera, e intima riflessione.
    E abbiamo talmente così poco tempo da dedicare a noi stessi, che ogni attimo vissuto pienamente, è forse l'unico tempo completamente nostro.
    Un abbraccio.

    RispondiElimina
  4. Queste parole ascoltate in un giorno di pioggia, mi mettono un pò di malinconia...

    RispondiElimina
  5. I momenti di solitudine più piacevoli sono quelli passati di notte ad ascoltare la radio, durante i lunghi viaggi in macchina o prima di dormire, a casa. Il buio, la voce pacata dello speaker, il pensiero libero di vagare, tutto concorre a creare quell'atmosfera di calda intimità che percepisco anche qui da te , sebbene mi trovi davanti ad uno schermo...
    Un abbraccio.

    RispondiElimina
  6. L'insonnia fa male, a prescindere da qualsiasi medicina. Mi rattrista pensarti in questa situazione.A meno che tu non abbia trovato la compagnia di te stesso. Buona notte amico mio.

    RispondiElimina
  7. Una poesia di speranza...dopo la tristezza arriva sempre l'allegria, dopo il temporale arriva sempre il sereno...Abbraccio caro amico, annamaria

    RispondiElimina
  8. Dove sei amico??? Ti aspetto.

    RispondiElimina
  9. Vado avanti con le pasticchine magiche per dormire. L'insonnia passata era un battere di cuore continuo, come davanti la porta dove si nasconde l'assassino. Mi rintano nel sonno artificiale, l'ansia mi corrodeva e tuttora fa capolino diverse volte al giorno. Porto però nel cuore e nei mie sonni tramortiti i pensieri belli che dici.

    RispondiElimina
  10. ciao monteamaro. Volevo dirti una cosa, se sei amante dell'arte in generale, ti segnalo un link:

    terraevenere.blogspot.com

    è un blog che omaggia Stefania Rocca (una tra le mie attrici preferite)e non solo. Spiccano diverse espressioni artistiche tra cui libri, pittura, danza, fotografia. Dagli un'occhiata se ti va. Un saluto

    RispondiElimina